DESIGNED BY MIXWEBTEMPLATES

 Bibbia

 Racconti

 Io con gli altri

  AT LEGGI FACILE                                                                                     ASCOLTA QUESTO BRANO 

 

GIUDICI E RE NELLA TERRA PROMESSA

 

Quando giunsero a Canaan gli Ebrei divisero il territorio  tra le dodici tribù che discendevano dai figli di Giacobbe, Esse erano autonome poichè non c'era un re che avesse autorità su tutti.

Durante questo periodo gli Ebrei dovettero combattere contro le popolazioni locali, fra cui i Filistei, per difendere la propria terra.

Il Signore scelse alcune persone, i giudici,  uomini e donne (fra cui Debora, Barac, Gedeone, Sansone....) a cui affidò il compito di aiutare il popolo e stabilire la giustizia in tempo di pace e di combattere i nemici in tempo di guerra.

Ben presto però le tribù sentirono il bisogno di una maggiore unità per difendersi meglio contro i nemici e chiesero al Signore un re

Alla fine il Signore cedette a questa richiesta e scelse Saul, valoroso guerriero che guidò il popolo molte volte alla vittoria contro i nemici. Ma il potere e la ricchezza lo portarono a disubbidire a Dio che scelse un altro re per governare Istraele.

Ordinò al profeta Samuele di consacrare un ragazzo di Betlemme, della tribù di Giuda, Davide (1010-970 aC)

Sembrava troppo giovane per questo compito, ma "Il Signore non guarda l'apparenza, guarda il cuore" (1Sam 16,7)

Davide dimostrò subito il suo coraggio e la sua fiducia nel Signore e combattè contro  Golia, un gigantesco guerriero filisteo che aveva sfidato gli Ebrei, ma nessuno per paura, aveva raccolto la sua sfida.

Davide lo affrontò e lo colpì alla fronte con un sasso scagliato dalla sua fionda.

Davide fu un sovrano saggio e intelligente. Imparò dai suoi peccati, anche molto gravi, l'umiltà e il perdono di Dio.

Compose molti salmi, preghiere recitate e cantate ancora oggi dagli Ebrei e dai Cristiani.

Davide rese il regno di Israele molto potente, ma non divenne mai orgoglioso e non dimenticò mai che i successi e le vittorie erano opera di Dio.

Fondò il primo stato unificato di Israele, conquistò Gerusalemme, la fece diventare la capitale dello stato e vi trasportò l'Arca dell'Alleanza.

Il Signore gli promise che il suo " regno durerà per sempre" (1Sam 7,16). Infatti dalla sua stirpe nascerà Gesù.

Dopo la morte di Davide fu consacrato re suo figlio Salomone (970-930 aC). Egli chiese a Dio la sapienza per governare con giustizia il suo popolo. La sua fama si sparse in tutto il mondo e re e regine venivano da lui per ascoltare i suoi consigli.

Il Signore gli concesse anche pace e ricchezza. Fece costruire un meraviglioso tempio nel luogo, secondo la tradizione, dove Abramo stava per sacrificare il figlio Isacco.

Fu costruito sotto la guida di esperti architetti, soprattutto fenici. Furono adoperati marmi, legni pregiati, oro, argento, stoffe ricamate. Fu ultimato dopo sette anni di lavori.

La parte principale e sacra del tempio era una stanza, detta il Santo dei Santi, che custodiva l'Arca dell'Alleanza. Solo il Sommo Sacerdote poteva entravi. Gli Ebrei andavano al Tempio per pregare e offrire sacrifici e vi celebravano le feste più importanti dell'anno.

Alla morte di Salomone il regno fu diviso in Regno del Nord, con capitale Samaria, e Regno di Giuda, a Sud, con capitale Gerusalemme.

 

 

 

 

 

TOP