DESIGNED BY MIXWEBTEMPLATES

 Bibbia

 Racconti

 Io con gli altri

     LEGGI FACILE                                                                              ASCOLTA QUESTO BRANO 

 

 

 

GLI EBREI

Gli Ebrei erano un gruppo di pastori nomadi. Si spostavano alla ricerca di luoghi dove far vivere le greggi, abitavano sotto le tende ed erano divisi in tribù.

Guidati da Abramo, intorno al 1800 a.C.,  si spostarono dalla originaria Mesopotamia e dopo un viaggio durato numerosi anni, giunsero nella Terra di Canaan, l'odierna Palestina, diventarono un unico popolo che prese poi il nome di Israele.

L'importanza degli Ebrei nella storia non dipende dalle conquiste, dal potere e dall'organizzazione (come i Romani), o dalle costruzioni grandiose (come gli Egizi) o dalla cultura, dal teatro e dalla filosofia (come i Greci) ma dal fatto che credevano in un unico Dio, anche se vivevano in mezzo a popoli che adoravano tanti dei.

Gli Ebrei erano monotesti e tutta la loro storia è stata guidata e accompagnata dalla presenza di Dio.

La storia di questo popolo e dei suoi rapporti con Dio è scritta nella Bibbia dove si può leggere come Dio ha scelto questo popolo per rivelarsi, e gli ha promesso una terra, la libertà e la sua protezione.

Il popolo Ebreo è quindi detto: 'popolo eletto', cioè scelto.

Con la storia narrata nell'Antico Testamento Dio fa conoscere il suo vero volto, cioè l'amore per l'uomo, e dà inizio al suo progetto di salvezza che con Gesù si allargherà a tutti gli uomini.

 

 

VOCABOLARIO

 

Monoteismo - credere in un solo Dio

Politesmo - credere in molti dei

 

Nomade - gruppo che non ha una dimora fissa e si sposta da un posto all'altro.

 

Progetto di salvezza - piano che Dio vuole realizzare per riportare l'uomo all'amicizia originaria con Lui, persa con il peccato. 

  

 

 

 

 

Ascolta il Vangelo

di oggi

 

 
TOP